Chiediamo a tutti i visitatori del nostro Sito soci COOP, di scaricare la lettera in formato PDF e di leggerla.
Se vi trovate d’ accordo con le nostre intenzioni vi chiediamo di Firmarla, e farla firmare, e consegnarcela entro il 20 febbraio al Circolo ARCI Colonnata.

Potrete trovarci nella Stanza del GAS Giovedi 4 febbraio, Martedì 9 febbraio e Giovedì 18 febbraio, sempre dalle 21.30 alle 22.30.

Qui di seguito pubblichiamo la lettera che invieremo alla COOP per chiedere chiarimenti:

Lettera aperta circa i fatti di Rosarno
Siamo un gruppo di consumatori e soci Coop della provincia di Firenze.
Recentemente, con le cronache dei gravissimi fatti di Rosarno, le televisioni ed i giornali hanno
portato all’attenzione di tutti gli italiani una realtà purtroppo tristemente nota, ovvero lo
sfruttamento, per la raccolta delle arance, sino al limite della schiavitù di uomini senza un contratto
di lavoro regolare, con paga oraria risibile, costretti a vivere in baracche fatiscenti in condizioni
veramente indegne. Tutto ciò è ulteriormente aggravato da una possibile contiguità, in quella come
in altre regioni del paese, con la criminalità organizzata.
E’ chiaro che considerazioni di questo tipo sono, e saranno in misura sempre maggiore,
determinanti nella scelta di acquisto di un prodotto.
Conosciamo l’impegno di Coop per quanto riguarda qualità dei prodotti, tracciabilità e controllo
della filiera produttiva. Vorremmo dunque conoscere:
• Quali sono i meccanismi di controllo da voi messi in atto per assicurare e garantire che i
prodotti che noi acquistiamo nei vostri punti vendita provengano da una filiera controllata e,
comunque, da aziende che non sfruttano in maniera illegale il lavoro dei braccianti.
• Quali sono i controlli che di fatto Coop Italia mette in atto per assicurare e se stessa ed a
noi la NON connivenza con tale sfruttamento.
• Qual è il comportamento che Coop Italia assume nel caso in cui venga a conoscenza che
un’azienda da cui si rifornisce sia resa complice di tali situazioni.
E’ ovvio che finché non saranno chiariti questi aspetti, noi, consumatori che non vogliamo essere
conniventi con situazioni di sfruttamento, ci asterremo dall’acquisto di arance.
In attesa di un vostro riscontro che ci auguriamo sarà circostanziato e dettagliato porgiamo distinti
saluti

Scaricate e Firmate la Petizione per chiedere alla Coop chiarimenti sui fatti di Rosarno

Categorie: gas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *